convegno poliziano
10 Giu

Agricoltura e turismo: un legame sempre più forte attraverso la Federazione Nazionale Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori

Un convegno a carattere nazionale con autorevoli relatori provenienti dal settore dell’agricoltura e del turismo, a sottolineare quanto il legame tra i due mondi sia sempre più forte, si è svolto domenica 9 giugno a Montepulciano. “Agri-cultura e turismo” è il titolo scelto dalla Federazione Nazionale Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori che ha celebrato il primo incontro di carattere nazionale attraverso il convegno al Teatro Poliziano, nel corso di un ricco weekend di incontri e degustazioni di prodotti tipici locali.

Un po’ di numeri. Vini e produzioni tipiche di qualità posizionano l’Italia tra i Paesi più apprezzati al mondo; ma è nel legame con i territori di origine che si forgia il valore più grande dell’enogastronomia italiana e la forza di ogni Strada del Vino sta proprio nel radicamento all’interno delle proprie comunità rurali. Le Strade aderenti alla Federazione Nazionale sono 80 e contano al loro interno più di 1000 aziende vitivinicole, 500 ristoranti, 450 strutture ricettive, 320 agriturismo e 147 prodotti a denominazione protetta tra vino, olio e altre eccellenze e tipicità. Il turismo del vino e dei sapori coinvolge ogni anno, in Italia, 14 milioni di viaggiatori che vanno alla scoperta dei territori, attratti da un’esperienza enogastronomica. La spesa annuale dei turisti relativa all’agroalimentare è di oltre12 miliardi di Euro di cui 5 spesi dagli stranieri e 7,3 dagli italiani; un viaggiatore straniero che sceglie l’Italia per le sue eccellenze enogastronomiche spende, in media, 150 Euro al giorno, oltre il doppio di cinque anni prima. L’enogastronomia è la prima motivazione di visita per i turisti italiani e stranieri che trascorrono una vacanza in Italia: gli interessi enogastronomici muovono, da soli, un turista su quattro.

Il convegno. Numerosi gli interventi autorevoli e degni d’interesse all’interno del convegno al Teatro Poliziano, organizzato dalla Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese: dopo i saluti istituzionali del Presidente Doriano Bui e del Sindaco di Montepulciano Michele Angiolini, hanno portato il loro contributo Marco Remaschi, Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana e Paolo Morbidoni, Presidente della neocostituita Federazione Italiana Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori.

Tra i relatori, Andrea Segré (Presidente Fondazione Fico e Presidente Fondazione E. Mach, San Michele all’Adige) e Ilaria Pertot (Centro agricoltura alimenti, ambiente dell’Università di Trento / Fondazione Edmund Mach) hanno illustrato le attività di ricerca svolte dalla Fondazione nel settore dell’innovazione della filiera agroalimentare in ottica globale, per stimolare la gestione sostenibile e il mantenimento del territorio, favorire il ricambio generazionale e la formazione di nuove figure professionali che sappiano svolgere innovazione di prodotto considerando l’intera filiera di produzione.

A seguire Alessandro Pacciani, Presidente Centro Studi GAIA – Accademia dei Georgofili, ha analizzato il ruolo delle Strade del Vino come “palestra” per lo sviluppo territoriale. Attraverso il loro operato si crea infatti un circolo virtuoso tra prodotti tipici e territori, puntando sulla qualità del paniere alimentare e l’integrazione tra le attività economiche per migliorare l’offerta turistica in ottica internazionale, anche per la loro capacità di attivare forme di partenariato locale e piano strategici con soggetti pubblici e privati.

Un importante contributo alla discussione è stato portato da Ernesto di Renzo, Docente Antropologia dei patrimoni culturali ed enogastronomici dell’Università di Roma Tor Vergata. Attraverso i dati relativi all’ultimo World Forum on Gastronomy Tourism ha mostrato come il turismo enogastronomico non sia più una semplice nicchia, ma un settore in continua crescita; il 20% dei turisti sceglie infatti di fare un viaggio anche in relazione alla capacità attrattiva in termini enogastronomici della destinazione, investendo fino al 30% del proprio budget in esperienze legate al cibo e al vino. Una situazione in cui l’Italia si inserisce come uno dei principali attori internazionali, grazie alla presenza di 5155 prodotti PAT, 299 prodotti DOP, IGP e STG, 523 vini DOCG, DOC e IGT, 578 presidi Slow Food e 870 prodotti “Arca del Gusto”.

A seguire l’intervento di Maria Elena Rossi, Direttrice marketing e promozione Enit, ha illustrato i trend del “Food & Wine Tourism” per l’anno 2019, che stanno facendo registrare un tasso di crescita tra il 5% e il 20%. Per l’enogastronomia, gli stranieri hanno speso il 36% in più rispetto all’anno precedente in Italia, il più alto tasso di crescita rispetto alle altre tipologie di vacanza. Il binomio enogastronomia e territorio, quindi, può caratterizzare l’offerta turistica di località meno note, diventando uno strumento di promozione capace di rappresentare e rendere competitive sul mercato anche queste destinazioni.

A chiusura del convegno li interventi di Vito Intini, Coordinatore Consulta Nazionale del Vino Italiano, e Luciano Nieto, Capo segreteria Tecnica Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo. Dopo il saluto di Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, è avvenuta la firma del protocollo d’intesa tra l’Associazione Dimore Storiche Italiane sez. Toscana (rappresentata dalla delegata Ilaria Bichi Ruspoli) e la Federazione Italia delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori d’Italia.

Il convegno era inserito all’interno di un intero weekend ricco di appuntamenti dedicati all’enogastronomia, cominciati con una serie di speciali cene dedicate alla degustazione dei vini italiani e proseguiti con il mercato di prodotti tipici regionali lungo il centro storico di Montepulciano, con la partecipazione di numerose Strade provenienti da tutta Italia.

    Registrati alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre informato su tutte le novità!

    [mc4wp_form id="3571"]
    Realizzazione sito internet Studio Web Montepulciano.com / Grafica Web Andrea Pisano / Sviluppo web WWS - Risorsa Informatica